Né serva né padrona
Palchi nei Parchi

12/07 - 20:45
Cividale del Friuli | Bosco Romagno
Supported by

Condividi
Facebook Share Facebook Share

Un esilarante spettacolo di trasformismo dedicato alle figure femminili della Commedia dell’Arte e alla loro emancipazione, iniziata nel ‘500 e che ispira le attrici contemporanee. La poliedrica attrice Claudia Contin Arlecchino si “spoglia” dei suoi panni maschili e ci introduce, invece, alla sua filosofia auto ironica sulla femminilità e ai segreti del mestiere delle Comiche. Si trasforma sotto gli occhi del pubblico in tutti i personaggi di cui racconta le vite, le storie e gli aneddoti, dal cordiale Arlecchino servitore di due padrone e di tutte le donne del pubblico, alla frizzante Servetta Polentina, che offre agli spettatori assaggi delle sue bizzarre arti culinarie e casalinghe. Una girandola di personaggi che danzano con il pubblico in nome di ogni più lieta emancipazione di genere tra donne e uomini.


Informazioni
Gli spettacoli sono ad ingresso gratuito
con possibile offerta libera green
Si raccomandano plaid o cuscino per sedersi sull’erba e abbigliamento comodo

Le indicazioni sulle variazioni a causa del maltempo sono riportate QUI

Come arrivare a Bosco Romagno?
Qui le indicazioni!


Cos’è Palchi nei Parchi?

Un’idea nata nel 2020, dal Servizio foreste e Corpo forestale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e finanziata dalla Direzione centrale Cultura e Sport.
Poteva essere una rassegna di breve durata, il tempo di una emergenza; invece, nell’arco di quattro anni si è trasformata in un evento ricco di arte e natura. Rassegna di musica e teatro?
Non solo, non più, perché grazie all’impegno di chi ci ha creduto e lavorato e grazie alla presenza della Fondazione Luigi Bon, che ha curato la direzione artistica, Palchi nei Parchi raccoglie ogni anno nuove collaborazioni professionali, nuovi spazi all’aperto e nuovi artisti che si esibiscono durante tutta l’estate. 
I parchi sono i luoghi regalati dalla natura, a volte selvaggia, a volte guidata dall’uomo, con rispetto e sensibilità, dove noi entriamo e usciamo in punta di piedi, senza alterare equilibri né con le nostre voci né con i nostri passi. 
I palchi che sostengono le voci e le note di coloro che vi salgono sono costruiti con l’abete rosso delle foreste di proprietà regionale, certificate PEFC: sono modulari, leggeri e pratici, realizzati dai professionisti delle squadre di operai e della falegnameria regionale.
Il pubblico che ci segue con regolarità e che accetta di accomodarsi nei prati offerti dalla natura, ci fa capire ancora di più che a Palchi nei Parchi non esistono spettatori, ma che tutti facciamo parte di un’esperienza condivisa: vivere lievemente sul nostro pianeta.

Scopri anche gli altri eventi QUI!

di e con Claudia Contin Arlecchino

musiche di Luca Fantinutti
produzione Porto Arlecchino
distribuzione Cooperativa Ortoteatro di Pordenone

 

In caso di maltempo
Teatro A. Ristori, Cividale del Friuli (UD)