Mittelfest — Danza

Mnémosyne

Josef Nadj

Museo Archeologico Nazionale di Cividale
20 minuti
28/08 - 16:00
28/08 - 18:00
28/08 - 20:00
29/08 - 11:00
29/08 - 16:00
29/08 - 18:00
31/08 - 16:00
31/08 - 18:00
31/08 - 20:00
01/09 - 16:00
01/09 - 18:00
01/09 - 20:00

Performance

Creazione & performance Josef Nadj

Luci Rémi Nicolas

Costruzione set & direttore tecnico Sylvain Blocquaux

Musica Peter Vogel, Schubert eseguita da Emmanuelle Tat

Direttore del set Romuald Liteau-Lego

 

Mostra

Fotografie Josef Nadj

Collaborazione artistica Dudás Szabolcs

Disegno luci e scenografia Rémi Nicolas

Framing Jean-Pierre Haie – Atelier Demi-Teinte

Direttore tecnico Sylvain Blocquaux

 

Produzione e tournée | Bureau PLATÔ – Séverine Péan, Emilia Petrakis

Produttore esecutivo Atelier 3+1

Coproduzione Biennale de la danse de Lyon 2018, Centre Chorégraphique National – Orléans, La Filature Scène Nationale- Mulhouse, Le CENTQUATRE-Paris

Con il supporto di Ministère de la Culture – Direction générale de la création artistique – Délégation à la Danse, Région Ile-de-France, La Villette-Paris, Résidence Sainte-Cécile-Orléans – Josef Nadj è artista in residenza al CENTQUATRE-Paris e vincitore del programma di residenza internazionale della Ville de Paris – Récollets

Creazione 22 September 2018, Biennale de la danse de Lyon – Musée des Beaux-Arts

Photo © Blandine Soulage

Performance e progetto fotografico.

Mnémosyne esprime la memoria di un mondo, quello del coreografo e artista visivo Josef Nadj. Trent’anni dopo la creazione della sua prima performance, produce un’opera totale, sia progetto fotografico che performance teatrale. Lungo tutto il suo percorso, da quando era studente alla scuola di Belle Arti di Budapest, l’artista ha scattato fotografie. Recuperando una parte del suo percorso sviluppato accanto al suo lavoro di danza, Josef Nadj scava nella sua memoria per allargare ancora una volta il suo orizzonte creativo. Svolta artistica o ritorno alle origini? Per Mnémosyne ha costruito una mostra fotografica e una scatola nera in cui mette in scena sé stesso – recitando, ballando, esibendosi – a tu per tu con il suo pubblico.

Marylène Malbert – intervista con Josef Nadj

Prima Nazionale