Mirt Komel
Il tiglio spezzato
Indagine sulle sponde dell’Isonzo

23/06 - 10:30
Il Curtîl di Firmine
Condividi
Facebook Share Facebook Share

Dialoga con l’autore Luca Quarin

Le vicende personali del giornalista Erik Tlomm ci portano in una cittadina nella valle dell’Isonzo. Durante questo soggiorno che per Erik avrebbe dovuto essere rigenerante e terapeutico, una giovane viene trovata morta, adagiata su un tiglio spezzato in due da un fulmine durante un forte temporale, proprio nel mezzo della piazza principale. Data la natura insolita del caso e della scena del crimine, interviene Dante D., brillante detective con cui Erik Tlomm stringe una collaborazione investigativa. Ma niente è come sembra… Il tiglio spezzato (Medso¿je, Goga, 2018) fonda la collana Gialloambra dedicata al crime fiction e ambientata prevalentemente nei luoghi delle due Gorizie, che abbracciano nazioni diverse e terre affascinanti, ricche di misteri e di suggestioni letterarie. Evidenziando dell’ambra il più remoto significato di questa versatile pietra, portare alla luce dalle ombre fatti e circostanze, con testi che attraversano il registro psicologico, quello filosofico, quello storico, addentrandosi persino nel soprannaturale.


Qualcosa sull’autore

Mirt Komel, filosofo, traduttore e scrittore sloveno. Ha insegnato filosofia e letteratura alla Facoltà di Scienze Sociali dell’Università di Lubiana. Ricercatore al Peace Institute di Lubiana, co-fondatore e membro dell’International Hegelian Association Aufhebung, ha pubblicato diversi saggi.
Il tocco del pianista (edizione originale 2015, in italia: Carbonio Editore, 2019) è il suo esordio letterario. Il romanzo è stato selezionato per il prestigioso premio Kresnik ed è stato tradotto in tedesco, serbo-croato e ora in italiano, ispirando inoltre il dipinto Gabriel at the Piano della pittrice Marina Gruden e le Goldman Variations (per clavicembalo), work-in-progress del pianista e compositore Milko Lazar.


Informazioni
La rassegna è ad ingresso gratuito


Cos’è Mittelibro?

Mittelibro è una breve ma intensa rassegna letteraria che da anni (la prima edizione avvenne nel 2015) anticipa il Mittelfest, ormai consolidato festival della cultura mitteleuropea, offrendo, nella splendida cornice della città di Cividale, uno spazio dedicato a coloro che possono essere interessati all’ascolto di chi scrive o di chi racconta un libro, e ovviamente anche alla lettura.

La rassegna prevede quattro incontri con scrittori e scrittrici italiani e stranieri, nelle domeniche di giugno e luglio, che possono essere colazioni letterarie o dopocena.

Questi gli autori presenti nelle ultime edizioni: Francesco Filippi, Tullio Avoledo, Aleš Šteger, Maria Francesca Venturo, Pierluigi Di Piazza (2019), Jasmin B. Frelih, Angelo Floramo, Dušan Šarotar (2021), Drago Jančar, Alessandro Mezzena Lona, Paola Zoffi, Giuseppe Manfridi (2022), Altan, Sebastijan Pregelj, Davide Reviati, Margherita Verlato (2023).

organizza La Libreria di Pietro Boer, Circolo di cultura sloveno Ivan Trinko
con la collaborazione di Il Curtìl di Firmine

e di Mittelfest nell’ambito di Mittelland