Mittelyoung — Musica

A WASTE of Time

XTRO

Chiesa di Santa Maria dei Battuti
Ingresso su invito
45 minuti
27/06 - 18:00

Di XTRO
Produzione XTRO
Con il sostegno di Mittelfest

A WASTE of time è uno spettacolo che unisce elementi teatrali e musica, attraverso brani di compositori contemporanei e moderni. La sua unicità deriva dal fatto che la maggior parte degli strumenti utilizzati durante lo spettacolo, verranno raccolti negli spazi urbani. A causa della caotica situazione ambientale mondiale è il momento di dare un messaggio chiaro in più modi possibili. In questo concerto, 3 musicisti mostrano come il riciclaggio possa effettivamente entrare a far parte della creazione artistica, adattando accuratamente ogni brano per includere gli oggetti raccolti. L’obiettivo principale è quello di aumentare la consapevolezza del problema dell’inquinamento nel mondo, dimostrando come i rifiuti possano essere riutilizzati per scopi diversi. 

Prima Assoluta

Ingresso a invito

PROGRAMMA

Ceci n’est pas une balle di Esperet/Benigno
Scritto originariamente per una compagnia teatrale, questo pezzo è pieno di momenti energici e comici, associati a un ballo immaginario.

Musique de table di Thierry De Mey
Suonando su tavoli di legno, i musicisti sono costretti a fare i conti con i movimenti delle mani, in grado di generare un sorprendente impatto coreografico sul pubblico. Grazie all’intervento delle luci, diversi toni, risonanze e patterns emergono dallo spazio circostante. 

Batucatta di Hugo Morales
Pezzo per tre mascelle d’asino, uno strumento tradizionale messicano insolito. Una combinazione di motivi suonati sui denti e sul cranio dell’animale, rendono questo lavoro molto particolare per i suoi ritmi groovy, che si modificano in base a ogni suonatore.

Natural resources di Anne Southam 
Il titolo Natural Resources o What to Do ‘Till the Power Comes On, dà un’idea della natura del lavoro. Southam ha composto uno spartito, essenzialmente un insieme di istruzioni, e una borsa degli attrezzi contenente bulloni, tasselli di legno, ganci, viti, ditali di corda, anelli di catena, e così via. Lo spartito descriveva il lavoro come “un gioco sonoro per giocatori” che “non si basa in nessun modo su fonti di energia diverse dai giocatori stessi”. Il messaggio di fondo era che stava dando l’addio alla musica elettronica. 

Unrung di Steven Snowden
I campanelli da tavolo sono oggetti molto familiari, ma cosa succederebbe se nessuno li riconoscesse più? XTRO, attraverso il loro uso, costruiscono un pezzo intorno alla scoperta sonora. 

9election (trio version) di Lam Lai Keng
“Ho scritto questo pezzo per esplorare i suoni prodotti da diversi oggetti raccolti dai percussionisti. È come mangiare l’hotpot, basta prendere quello che si vuole. Godetevi il pasto di suoni”
Lam Lai

Objects and portrait projections di Patrick Ellis
Objects and Portrait Projections esplora l’accoppiamento tra sonorità prodotte dai vasi di piante e dalle stoviglie, con immagini manipolate dall’uomo ed elettronica fissa. Il lavoro è ispirato da varie fonti trovate nel mondo quotidiano e artistico: riunioni zoom, filmati d’archivio, registrazioni domestiche, interazione e ripetizione…