Mittelfest 2013 — presentazione a Budapest

[:it]

MITTELFEST OSPITE D’ONORE ALLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA STAGIONE CULTURALE ITALO-UNGHERESE DEL 2013, SVOLTASI IERI A BUDAPEST PRESSO IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI[:en]

MITTELFEST OSPITE D’ONORE ALLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA STAGIONE CULTURALE ITALO-UNGHERESE DEL 2013, SVOLTASI IERI A BUDAPEST PRESSO IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI[:][:it]

PRESENTI ALL’INCONTRO INTERMINISTERIALE CHE HA ILLUSTRATO IL PROGRAMMA DELL’ANNO DELLA CULTURA ITALIANA IN UNGHERIA, IL SEGRETARIO DI STATO LÁSZLÓ L. SIMON, IL DEPUTATO GERGELY PRŐHLE, CON L’AMBASCIATORE ITALIANO IN UNGHERIA MARIA ASSUNTA ACCILI, LA DIRETTRICE DELL’ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA A BUDAPEST GINA GIANNOTTI E IL DIRETTORE GENERALE DI MITTELFEST ANTONIO DEVETAG

PROPRIO L’UNGHERIA SARA’ AL CENTRO DI UN ARTICOLATO OMAGGIO DI MITTELFEST 2013, CON NUMEROSE OSPITALITA’ TRA MUSICA E DANZA, DOVE SPICCANO L’ENSEMBLE “ROMA HUNGARICUM”, CHE SPAZIA DALLA MUSICA CLASSICA AL REPERTORIO TZIGANO, IL CORPO DI BALLO DELL’HONVED ART ENSEMBLE E L’OPERA DI STATO UNGHERESE

Il 2013 è l’anno in cui sarà festeggiata e rinnovata l’antica amicizia tra l’Italia e l’Ungheria, con una ricca Stagione Culturale italo-ungherese che dai prossimi mesi farà conoscere le principali espressioni artistiche e culturali italiane in Ungheria, oltre a favorire gli scambi e le ospitalità ungheresi in Italia.

Mittelfest è senza dubbio un interlocutore privilegiato di questo scambio tra due Paesi di antica amicizia, tanto che è stato l’ospite d’onore in occasione della presentazione del programma “stagione culturale Italo-Ungherese 2013, progetto interministeriale che vedrà coinvolte le maggiori istituzioni delle due nazioni. La presentazione si è svolta ieri nella sede del Ministero degli esteri ungherese a Budapest, alla presenza di numerosissimi organi di stampa ed emittenti  radiotelevisive della capitale magiara. La conferenza stampa ha visto gli interventi dell’Ambasciatore italiano Maria Assunta Accili, del segretario di stato Laszlo L. Simon, del sottosegretario di stato (Mfa)  Gergely Prőhle, della direttrice dell’istituto italiano di cultura dott.ssa Gina Giannotti. Un programma di collaborazione articolato, che vede protagonisti tra gli altri la Fondazione Arena di Verona, l’Accademia nazionale dei Lincei, la Fondazione Mondadori e che darà vita a una ricca di serie di eventi di alto livello durante tutto il prossimo anno. Il Direttore generale di Mittelfest Antonio Devetag ha illustrato le potenzialità culturali del Friuli Venezia Giulia «la regione italiana – ha detto in conferenza – che più di ogni altra vanta una vocazione mitteleuropea, di cui Mittelfest rappresenta la punta di diamante nella collaborazione culturale con i paesi dell’Est  Europa».

Devetag, accompagnato dal direttore tecnico di Mittelfest Stefano Laudato, ha avuto una lunga serie di incontri con la principali realtà culturali dell’Ungheria, Paese cui sarà dedicato un focus durante il festival. «Contatti oltremodo positivi – ha sottolineato Devetag – che ci hanno permesso di assicurarci alcuni spettacoli di grande rilevanza, tra cui lo straordinario ensemble Roma Hungaricum, diciannove solisti che presenteranno a Cividale un repertorio virtuosistico delle più trascinanti musiche gypsy della tradizione magiara. Avremo anche l’eccezionale corpo di ballo dell’Honved Art Ensemble forte di sessanta elementi tra danzatori e musicisti, che presenterà una produzione dedicata alla Mitteleuropa: Csárdás! The Tango of the East; l’ Opera di stato ungherese, poi, ci assicura un intrigante concerto dedicato alle composizioni di uno dei più grandi innovatori della musica contemporanea: György Ligeti ».

«E’ il primo risultato del lavoro svolto nei mesi scorsi insieme a Paolo Petiziol – continua Devetag - che ci a permesso di entrare in contatto con le maggiori istituzioni culturali ungheresi e della Croazia, altro paese sul quale abbiamo sviluppato progetti importanti e inediti. Incontri che hanno confermato l’interesse e il prestigio che Mittelfest suscita nei paesi dell’Est Europa: un nome e una fama di qualità che apre veramente tutte le porte. Ci sono le basi per un’edizione 2013 ricchissima di eventi e di prime nazionali e mondiali».

Mittelfest 2013 rafforza, quindi, la sua vocazione internazionale, e dopo l’omaggio dello scorso anno alla Repubblica Ceca nel percorso Praga Magica, prosegue quest’anno nell’approfondimento della cultura dell’area Mitteleuropea, storico riferimento, fonte d’ispirazione e vocazione primigenia di Mittelfest. Le importanti collaborazioni con le istituzioni dei Paesi al centro degli omaggi del 2013, così come la prestigiosa collaborazione con il Festival dei Due Mondi di Spoleto, ormai sancita da un protocollo d’intesa, e la partnership instaurata con altri importanti realtà festivaliere della regione, ribadiscono l’importanza che per Mittelfest  ricopre l’attivazione di sinergie e collaborazioni: una modalità ormai imprescindibile per produrre cultura e offrire al pubblico l’alta qualità spettacolare che contraddistingue il festival cividalese.[:en]

PRESENTI ALL’INCONTRO INTERMINISTERIALE CHE HA ILLUSTRATO IL PROGRAMMA DELL’ANNO DELLA CULTURA ITALIANA IN UNGHERIA, IL SEGRETARIO DI STATO LÁSZLÓ L. SIMON, IL DEPUTATO GERGELY PRŐHLE, CON L’AMBASCIATORE ITALIANO IN UNGHERIA MARIA ASSUNTA ACCILI, LA DIRETTRICE DELL’ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA A BUDAPEST GINA GIANNOTTI E IL DIRETTORE GENERALE DI MITTELFEST ANTONIO DEVETAG

PROPRIO L’UNGHERIA SARA’ AL CENTRO DI UN ARTICOLATO OMAGGIO DI MITTELFEST 2013, CON NUMEROSE OSPITALITA’ TRA MUSICA E DANZA, DOVE SPICCANO L’ENSEMBLE “ROMA HUNGARICUM”, CHE SPAZIA DALLA MUSICA CLASSICA AL REPERTORIO TZIGANO, IL CORPO DI BALLO DELL’HONVED ART ENSEMBLE E L’OPERA DI STATO UNGHERESE

Il 2013 è l’anno in cui sarà festeggiata e rinnovata l’antica amicizia tra l’Italia e l’Ungheria, con una ricca Stagione Culturale italo-ungherese che dai prossimi mesi farà conoscere le principali espressioni artistiche e culturali italiane in Ungheria, oltre a favorire gli scambi e le ospitalità ungheresi in Italia.

Mittelfest è senza dubbio un interlocutore privilegiato di questo scambio tra due Paesi di antica amicizia, tanto che è stato l’ospite d’onore in occasione della presentazione del programma “stagione culturale Italo-Ungherese 2013, progetto interministeriale che vedrà coinvolte le maggiori istituzioni delle due nazioni. La presentazione si è svolta ieri nella sede del Ministero degli esteri ungherese a Budapest, alla presenza di numerosissimi organi di stampa ed emittenti  radiotelevisive della capitale magiara. La conferenza stampa ha visto gli interventi dell’Ambasciatore italiano Maria Assunta Accili, del segretario di stato Laszlo L. Simon, del sottosegretario di stato (Mfa)  Gergely Prőhle, della direttrice dell’istituto italiano di cultura dott.ssa Gina Giannotti. Un programma di collaborazione articolato, che vede protagonisti tra gli altri la Fondazione Arena di Verona, l’Accademia nazionale dei Lincei, la Fondazione Mondadori e che darà vita a una ricca di serie di eventi di alto livello durante tutto il prossimo anno. Il Direttore generale di Mittelfest Antonio Devetag ha illustrato le potenzialità culturali del Friuli Venezia Giulia «la regione italiana – ha detto in conferenza – che più di ogni altra vanta una vocazione mitteleuropea, di cui Mittelfest rappresenta la punta di diamante nella collaborazione culturale con i paesi dell’Est  Europa».

Devetag, accompagnato dal direttore tecnico di Mittelfest Stefano Laudato, ha avuto una lunga serie di incontri con la principali realtà culturali dell’Ungheria, Paese cui sarà dedicato un focus durante il festival. «Contatti oltremodo positivi – ha sottolineato Devetag – che ci hanno permesso di assicurarci alcuni spettacoli di grande rilevanza, tra cui lo straordinario ensemble Roma Hungaricum, diciannove solisti che presenteranno a Cividale un repertorio virtuosistico delle più trascinanti musiche gypsy della tradizione magiara. Avremo anche l’eccezionale corpo di ballo dell’Honved Art Ensemble forte di sessanta elementi tra danzatori e musicisti, che presenterà una produzione dedicata alla Mitteleuropa: Csárdás! The Tango of the East; l’ Opera di stato ungherese, poi, ci assicura un intrigante concerto dedicato alle composizioni di uno dei più grandi innovatori della musica contemporanea: György Ligeti ».

«E’ il primo risultato del lavoro svolto nei mesi scorsi insieme a Paolo Petiziol – continua Devetag - che ci a permesso di entrare in contatto con le maggiori istituzioni culturali ungheresi e della Croazia, altro paese sul quale abbiamo sviluppato progetti importanti e inediti. Incontri che hanno confermato l’interesse e il prestigio che Mittelfest suscita nei paesi dell’Est Europa: un nome e una fama di qualità che apre veramente tutte le porte. Ci sono le basi per un’edizione 2013 ricchissima di eventi e di prime nazionali e mondiali».

Mittelfest 2013 rafforza, quindi, la sua vocazione internazionale, e dopo l’omaggio dello scorso anno alla Repubblica Ceca nel percorso Praga Magica, prosegue quest’anno nell’approfondimento della cultura dell’area Mitteleuropea, storico riferimento, fonte d’ispirazione e vocazione primigenia di Mittelfest. Le importanti collaborazioni con le istituzioni dei Paesi al centro degli omaggi del 2013, così come la prestigiosa collaborazione con il Festival dei Due Mondi di Spoleto, ormai sancita da un protocollo d’intesa, e la partnership instaurata con altri importanti realtà festivaliere della regione, ribadiscono l’importanza che per Mittelfest  ricopre l’attivazione di sinergie e collaborazioni: una modalità ormai imprescindibile per produrre cultura e offrire al pubblico l’alta qualità spettacolare che contraddistingue il festival cividalese.[:]