Mittelfest — Teatri

LETRA (La lettera)

Ylljet Aliçka

Teatro Ristori
70 minûts
27/08 - 21:30

Test Ylljet Aliçka

Elaborazion dramaturgjiche Giulia Maria Falzea e Salvatore Tramacere

Regjie Salvatore Tramacere

Atôr Roerd Toçe

Con la partecipazione di Hersjana Matmuja

Violoncello, Jacopo Conoci

Elaborazion sonore Giorgio Distante

Sene Lucio Diana

Tecnic Alessandro Cardinale

In graciis di Hersjana Matmuja

Un spetacul di  Teatro Koreja di Lecce

Coproduzion Teatro Metropol di Tirane

Cu la poie dal comun di Barletta tal ambit dal progjet TOURNÉE – Program Interreg IPA CBC Italie-Albanie-Montenegro 2014-2020

Photo © Archivio Teatro Metropol

 

 

La vite di un puar Crist intune letare di assegnazion par une cjase popolâr. Un lavôr teatrâl su trop che il sun des peraulis, che a descrivin une esistence misare, al decifri e al cjapi dentri la storie di ducj. Un om, intune gnot di ploie come tantis, al domande a un mestri di citât, che al insegne tal paisut di mont dulà che al è nassût e vivût, di scrivii une letare par fâsi assegnâ une cjase popolâr. Al è un om sôl, Mark, che si indrece al mestri Andrea cirint la sô comprension. Il mestri al scrîf la letare e Mark al domande che i vegni tornade a lei. Cheste leture, la obietivazion de sô vite, e devente la ossession figurade dal sens de esistence. Mark al domandarà che la letare de sô vite i vegni tornade a lei tai agns dopo dai scuelârs che al ferme par strade. Fin a cuant che al decît di deventâ la vôs che e conte la sô stesse vite: al vûl imparâ a lei e a scrivi, e comprâ un abecedari. Letra al è un spetacul su la miserie condividude che e gjenere amôr, la storie di un toc di mont intun paîs di montagne, che al è tant che la cjase che di cheste o sintìn la mancjance, la vite che no savìn tornâ a lei.

Spetacul in lenghe taliane