ZVIZDAL CHERNOBYL, SO FAR – SO CLOSE

[:it]

Nel 1986, novanta centri abitati attorno a Chernobyl, Ucraina, vengono evacuati. Il fallimento di un esperimento nella vicina centrale atomica costringe gli abitanti a lasciare le case e non farvi più ritorno. Pètro e Nadia, una coppia anziana, rifi utano di abbandonare il luogo dove sono nati e diventati adulti. Zvizdal diventa una città fantasma: edifici pietrificati, piombati, sopraffatti dalla natura. Tra il 2011 e il 2016 la compagnia belga Berlin ha incontrato più volte Pètro e Nadia e li ha infine scelti per questo ritratto di solitudine, sopravvivenza, speranza, amore, circondati dall’onnipresente radiazione.

Pétro and Nadia, an old couple, have refused to be evacuated from Chernobyl. The Belgians of Berlin have chosen them for a portrait of solitude, survival and hope. In their own landscape, as they co-exist with radiation.

_______________

ZVIZDAL CHERNOBYL, SO FAR – SO CLOSE

di Berlin [Bart Baele & Yves Degryse] & Cathy Blisson scenografia Manu Siebens, Ina Peeters and BERLIN con Nadia e Pétro Opanassovitch Lubenoc produzione BERLIN

durata 75’

berlinberlin.be[:en]Nel 1986, novanta centri abitati attorno a Chernobyl, Ucraina, vengono evacuati. Il fallimento di un esperimento nella vicina centrale atomica costringe gli abitanti a lasciare le case e non farvi più ritorno. Pètro e Nadia, una coppia anziana, rifi utano di abbandonare il luogo dove sono nati e diventati adulti. Zvizdal diventa una città fantasma: edifici pietrificati, piombati, sopraffatti dalla natura. Tra il 2011 e il 2016 la compagnia belga Berlin ha incontrato più volte Pètro e Nadia e li ha infine scelti per questo ritratto di solitudine, sopravvivenza, speranza, amore, circondati dall’onnipresente radiazione.

Pétro and Nadia, an old couple, have refused to be evacuated from Chernobyl. The Belgians of Berlin have chosen them for a portrait of solitude, survival and hope. In their own landscape, as they co-exist with radiation.

_______________

ZVIZDAL CHERNOBYL, SO FAR – SO CLOSE

di Berlin [Bart Baele & Yves Degryse] & Cathy Blisson scenografia Manu Siebens, Ina Peeters and BERLIN con Nadia e Pétro Opanassovitch Lubenoc produzione BERLIN

durata 75’

berlinberlin.be[:de]Nel 1986, novanta centri abitati attorno a Chernobyl, Ucraina, vengono evacuati. Il fallimento di un esperimento nella vicina centrale atomica costringe gli abitanti a lasciare le case e non farvi più ritorno. Pètro e Nadia, una coppia anziana, rifi utano di abbandonare il luogo dove sono nati e diventati adulti. Zvizdal diventa una città fantasma: edifici pietrificati, piombati, sopraffatti dalla natura. Tra il 2011 e il 2016 la compagnia belga Berlin ha incontrato più volte Pètro e Nadia e li ha infine scelti per questo ritratto di solitudine, sopravvivenza, speranza, amore, circondati dall’onnipresente radiazione.

Das alte Ehepaar Pétro und Nadia hat die Evakuierung aus Tschernobyl abgelehnt. Die Belgier Berlin haben die beiden ausgewählt, um ein Porträt der Einsamkeit, des Überlebens und der Hoffnung in ihrer Landschaft zu zeichnen, in der sie mit der radioaktiven Strahlung leben.

_______________

ZVIZDAL CHERNOBYL, SO FAR – SO CLOSE

di Berlin [Bart Baele & Yves Degryse] & Cathy Blisson scenografia Manu Siebens, Ina Peeters and BERLIN con Nadia e Pétro Opanassovitch Lubenoc produzione BERLIN

durata 75’

berlinberlin.be[:fu]Nel 1986, novanta centri abitati attorno a Chernobyl, Ucraina, vengono evacuati. Il fallimento di un esperimento nella vicina centrale atomica costringe gli abitanti a lasciare le case e non farvi più ritorno. Pètro e Nadia, una coppia anziana, rifi utano di abbandonare il luogo dove sono nati e diventati adulti. Zvizdal diventa una città fantasma: edifici pietrificati, piombati, sopraffatti dalla natura. Tra il 2011 e il 2016 la compagnia belga Berlin ha incontrato più volte Pètro e Nadia e li ha infine scelti per questo ritratto di solitudine, sopravvivenza, speranza, amore, circondati dall’onnipresente radiazione.

Pétro e Nadia, cubie anziane, a àn refudât la evacuazion di Chernobyl. I belghis Berlin ju àn sielzûts par un ritrat di solitudin, sorevivence, sperance. Intal lôr paisaç, intant che a convivin cu la radiazion.

_______________

ZVIZDAL CHERNOBYL, SO FAR – SO CLOSE

di Berlin [Bart Baele & Yves Degryse] & Cathy Blisson scenografia Manu Siebens, Ina Peeters and BERLIN con Nadia e Pétro Opanassovitch Lubenoc produzione BERLIN

durata 75’

berlinberlin.be[:sl]Nel 1986, novanta centri abitati attorno a Chernobyl, Ucraina, vengono evacuati. Il fallimento di un esperimento nella vicina centrale atomica costringe gli abitanti a lasciare le case e non farvi più ritorno. Pètro e Nadia, una coppia anziana, rifi utano di abbandonare il luogo dove sono nati e diventati adulti. Zvizdal diventa una città fantasma: edifici pietrificati, piombati, sopraffatti dalla natura. Tra il 2011 e il 2016 la compagnia belga Berlin ha incontrato più volte Pètro e Nadia e li ha infine scelti per questo ritratto di solitudine, sopravvivenza, speranza, amore, circondati dall’onnipresente radiazione.

Petro in Nadija sta ostareli zakonski par, ki se je uprl evakuaciji iz Černobila. Belgijska umetniška skupina Berlin je z njuno zgodbo uprizorila vzdušja osamljenosti, preživetja in upanja, ki ga par izraža v svojem sožitju z radiacijo.

_______________

ZVIZDAL CHERNOBYL, SO FAR – SO CLOSE

di Berlin [Bart Baele & Yves Degryse] & Cathy Blisson scenografia Manu Siebens, Ina Peeters and BERLIN con Nadia e Pétro Opanassovitch Lubenoc produzione BERLIN

durata 75’

berlinberlin.be[:]