KADDISH PER IL BAMBINO NON NATO

Mittelfestdi Imre Kertész Regia di Ruggero Cara e Vincenzo Todesco Con Ruggero Cara Luci di Maurizio Viani Costumi di Rosanna Monti Assistente alla regia Elisabeth Boeke E' per il bambino che non ha voluto far nascere che lo scrittore ungherese Imre Kertész pronuncia il kaddish€“-la preghiera per i morti. Il monologo è il racconto di un'€™esistenza confiscata dalla tragedia dei campi di concentramento. Tratta dal fondo dell'€™estrema sofferenza, eppure sempre sul filo di un ubriacante umorismo, questa magnifica orazione funebre afferma l'€™impossibilità di assumere il dono della vita in un mondo definitivamente traumatizzato.