In TimE

[:it]coreografia e scene Pál Frenákinterpreti Zsuzsa Jónás, Emese Jantner, Jessica Simet, Nelson Reguera, László Major, Péter Holoda produzione Compagnie Pál Frenák Lo spettacolo è adatto a un pubblico adulto (durata: 50’) Il sistema dei rapporti umani è messo letteralmente a nudo dalla compagnia di Pál Frenák, il coreografo rientrato in Ungheria nel 1999, che ha dato un colpo di frusta alla danza del suo Paese. Compromessi, ipocrisia, desiderio, sono i motori oscuri di questa creazione. Fino a che punto i legami tra le persone sono determinati dall’assenza di sincerità? Fino a dove è possibile spingere le pulsioni del ruolo maschile e di quello femminile? Cinque corpi in scena. Nessuna risposta.[:en]coreografia e scene Pál Frenák interpreti Zsuzsa Jónás, Emese Jantner, Jessica Simet, Nelson Reguera, László Major, Péter Holoda produzione Compagnie Pál Frenák Lo spettacolo è adatto a un pubblico adulto (durata: 50’) The structure of human relationships is literally stripped by the company of choreographer Pál Frenák, who returned to Hungary in 1999 and gave an energising jolt to dance in his country. Compromises, hypocrisy and desire are the obscure forces underlying this creation. To what point are the bonds between people determined by the absence of sincerity? How far is it possible to push the impulses of the male and female role? Five bodies on stage. No answer.[:]