Back to All Events

Maraveis in sfrese..Meraviglie socchiuse

  • Piazza Duomo Cividale del Friuli Italy (map)
Tonino Cragnolini, Zoiba Grassa 1511, 1989, disegno, inchiostro, colorato, acquarello, pastello, 200x140 cm, collezione Fondazione Friuli

Tonino Cragnolini, Zoiba Grassa 1511, 1989, disegno, inchiostro, colorato, acquarello, pastello, 200x140 cm, collezione Fondazione Friuli

(Italia)..(Italy)


Omaggio alla musica e all’arte del Friuli, dal XVI secolo a oggi

musiche di Valter Sivilotti, Jacopo Tomadini, Alfredo Scannact, Andriano Galliussi, Albino Perosa, Daniele Zanettovich, Federico Gon, Renato Miani, Alessio Venier, Cecilia Seghizzi, Gianfranco Plenizio, Antonin Dvorák

Orchestra giovanile Filarmonici Friulani diretta da Walter Themel

Nuovo AuriCorale Vivavoce diretto da Monica Cesar

direzione artistica: Marco Maria Tosolini

videoimmagini d’arte: Federico Màzzolo

testi in lingua friulana: Carlo Tolazzi

voce recitante: Chiara Donada

produzione Mittelfest 2019 e ARLeF Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane, in collaborazione con Fondazione Friuli

Musica, prima assoluta

Programma:

Valter Sivilotti – Inno del Friuli – liriche di Renato Stroili Gurisatti

Testo  I  

Jacopo Tomadini – Offertorium (mottetto dalla Missa Ducalis) 

Alfredo Scannact – Sinfonia (revisione critica di D. Zanettovich)

Adriano Galliussi – Movimento per orchestra

Testo  II

Albino Perosa – Inno a Udine millenaria – liriche di Pietro Biasatti

Daniele Zanettovich – Sinfonia XI super tema aquileiensis  

Testo  III

Federico Gon –  Movimento dalla suite La crudel zobia grassa

Renato Miani – Stelis cidinis – liriche di Umberto Valentinis

Alessio Venier – Un tei al c𝘫ante – liriche di Angelo M. Pittana 

Testo  IV

Cecilia Seghizzi – Luna – liriche di Biagio Marin

Gianfranco Plenizio – Movimento dalla Murfaust Suite

Antonin Dvorák – Dalle Danze slave op. 72 n. 2

Omaç ae musiche e a la art dal Friûl, dal secul XVI a vuê

Musichis di Valter Sivilotti, Jacopo Tomadini, Alfredo Scannact, Andriano Galliussi, Albino Perosa, Daniele Zanettovich, Federico Gon, Renato Miani, Alessio Venier, Cecilia Seghizzi, Gianfranco Plenizio, Antonín Dvořák

Orchestra giovanile Filarmonici Friulani direzude di Walter Themel

Nuovo AuriCorale Vivavoce direzût di Monica Cesar

direzion artistiche: Marco Maria Tosolini

videoimagjins di art: Federico Màzzolo

tescj in lenghe furlane: Carlo Tolazzi

vôs che e recite: Chiara Donada

produzion Mittelfest 2019 e ARLeF - Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane, in colaborazion cun Fondazione Friuli

Program:

Valter Sivilotti – Imni dal Friûl – lirichis di Renato Stroili Gurisatti

Test I

Jacopo Tomadini – Offertorium (motet de Missa Ducalis

Alfredo Scannact – Sinfonia (revision critiche di D. Zanettovich)

Adriano Galliussi – Movimento per orchestra

Test II

Albino Perosa – Inno a Udine millenaria – lirichis di Pietro Biasatti

Daniele Zanettovich – Sinfonia XI super tema aquileiensis  

Test III

Federico Gon – Moviment gjavât de suite La crudel zobia grassa

Renato Miani – Stelis cidinis – lirichis di Umberto Valentinis

Alessio Venier – Un tei al c𝘫ante – lirichis di Angelo M. Pittana 

Test IV

Cecilia Seghizzi – Luna – lirichis di Biagio Marin

Gianfranco Plenizio – Moviment gjavât de Murfaust Suite

Antonín Dvořák – gjavât des Danzis slavis op. 72 n. 2


La ricchezza di arte e cultura di un territorio, di un popolo, può essere raccontata con un evento breve, denso, come un viaggio nella bellezza che mette insieme diverse forme d’arte. Così nasce lo spettacolo Maraveis in sfrese (Meraviglie socchiuse) che – attraverso la fusione di musica, letteratura, light design, videoarte e documentazione pittorica – intende trasmettere, per momenti epocali e apicali, la forza espressiva di alcuni fra i più importanti musicisti e artisti friulani, passati e contemporanei. 

Il percorso, siglato all’inizio dall’epico Inno del Friuli di Valter Sivilotti, ripercorre la storia della musica friulana con composizioni di Jacopo Tomadini, Alfredo Scannact (pseudonimo di Francesco D’Altan) rivisto da Daniele Zanettovich, Adriano Galliussi, Albino Perosa. Si passa poi alla contemporaneità con Zanettovich stesso, che genera una composizione da un tema aquileiese, Alessio Venier, su una poesia di Angelo Pittana (Agnul di Spere), e Federico Gon, che ricrea i temi del musicista tardo cinquecentesco Giorgio Mainerio tratti dal Libro de’ balli (1578). Si prosegue con una prima assoluta di Renato Miani – Stelis cidinis del poeta Umberto Valentinis – per concludere questo viaggio d’arte con le composizioni di Cecilia Seghizzi, Luna (per coro, su liriche di Biagio Marin), in coincidenza dei 50 anni dell’allunaggio, Gianfranco Plenizio (autore della colonna sonora di “E la nave va” di Fellini e direttore d’orchestra per Billy Wilder e Brian De Palma) e Antonin Dvorák (con una Danza slava, in omaggio al Friuli, porta d’oriente). 

I brani sono legati fra loro da brevi frammenti in lingua friulana (con sottotitoli) e sono impreziositi dalla proiezione animata di immagini di grandi artisti che vanno dal Pordenone a Giovanni da Udine, da Cameo ai Tiepolo, da Colavini a Napoleone Pellis, dai Basaldella ai Ciussi, Zigaina, Bront, Cragnolini, Celiberti (la maggior parte tratti dalla preziosa collezione della Fondazione Friuli). Nel contempo uno spettacolo di luci dà alla serata una dimensione onirica e sospesa. 

www.arlef.it

La ricjece di art e di culture di un teritori, di un popul, si pues contâle cuntun event curt, siôr, tant che un viaç inte bielece che e met insiemi formis diviersis di art. Cussì al nas il spetacul Maraveis in sfrese che – midiant de fusion di musiche, leterature, light design, videoart e documentazion pitoriche – al vûl trasmeti, par moments epocâi e apicâi, la fuarce espressive di cualchidun fra i musiciscj e i artiscj furlans plui impuartants, sedi dal passât che contemporanis. 

Il percors, che al partìs cu la sigle dal epic Imni dal Friûl di Valter Sivilotti, al passe fûr pe storie de musiche furlane cun composizions di Jacopo Tomadini, Alfredo Scannact (pseudonim di Francesco D’Altan) riviodût di Daniele Zanettovich, Adriano Galliussi, Albino Perosa. Si passe dopo ae contemporaneitât cul stes Zanettovich che al gjenere une composizion di un teme aquileiês, Alessio Venier, suntune poesie di Angelo Pittana (Agnul di Spere), e Federico Gon che al ricree i temis gjavâts dal Libro de’ balli (1578) dal musicist dal tart Cinccent Giorgio Mainerio. Si va indevant cuntune prime assolude di Renato Miani – Stelis cidinis dal poete Umberto Valentinis – par sierâ chest viaç di art cu lis composizions di Cecilia Seghizzi, Luna (par corâl, su lirichis di Biagio Marin), in coincidence dai 50 agns che l’om al è rivât su la Lune; e po si scoltaran lis oparis di Gianfranco Plenizio (autôr de colone sonore di “E la nave va” di Fellini e diretôr di orchestre par Billy Wilder e Brian De Palma) e di Antonín Dvořák (cuntun toc des Danzis slavis, in onôr dal Friûl, puarte di orient).

I tocs a son leâts fra di lôr di framents curts in lenghe furlane (cun sottitui) e a son insiorâts de proiezion animade di imagjins des oparis di grancj artiscj che a van dal Pordenone a Giovanni da Udine, di Cameo ai Tiepolo, di Colavini a Napoleone Pellis, dai Basaldella ai Ciussi, Zigaina, Bront, Cragnolini, Celiberti (la plui part gjavadis fûr de colezion preziose de Fondazione Friuli). Dilunc dal event, un spetacul di lûs al da une dimension oniriche e sospindude ae serade.

www.arlef.it

Earlier Event: July 21
ANΩNYMO