Back to All Events

Avital incontra Avital..Avital meets Avital

  • Chiostro della Chiesa di S. Francesco Cividale del Friuli Italy (map)
Avital 293 Christie GoodwinDG.jpg

(Israele)..(Israel)


....

Musica etno-jazz crossover

di Avi Avital e Omer Avital

con Avi Avital mandolino, Omer Avital oud e contrabbasso, Yonathan Avishai piano, Itamar Doari percussioni 

Musica, prima nazionale

Durata: 90'

..

Etno-jazz music crossover

by Avi Avital and Omer Avital

with Avi Avital mandolin, Omer Avital oud and double bass, Yonathan Avishai piano, Itamar Doari percussions 

Music, Italian première

Duration: 90'

....


....

Avital incontra Avital è un concerto di due grandi artisti che provengono da diversi mondi musicali ma condividono un patrimonio comune, ad iniziare dal fatto che entrambi sono cresciuti in Israele da genitori marocchini. Il mandolinista, candidato al Grammy, Avi Avital viene da una tradizione classica, mentre il pluripremiato virtuoso bassista e oudista Omer Avital è un acclamato musicista jazz e compositore. Ancora, Avi Avital è uno dei principali rappresentanti del suo strumento, appassionato ed esplosivamente carismatico secondo il New York Times, ed è stato paragonato ad Andres Segovia e a Jascha Heifitz. Nelle esibizioni dal vivo è una forza della natura: più di cento composizioni contemporanee sono state scritte per lui, tra cui figurano i ‘concerti’ di Avner Dorman e Giovanni Sollima che eseguirà la prossima stagione. Il bassista Omer Avital, dal canto suo, è uno dei musicisti più sorprendenti di oggi. Lodato a sua volta dal New York Times come ‘straordinario’, è un compositore visionario e un musicista virtuoso che sfida i generi e i confini dell'espressione jazz, nutrendo lo spettatore con ritmi ‘swing’ e affondi quasi spirituali. 

Nello spettacolo si assiste, dunque, ad un originale connubio, a due patrimoni culturali che dialogano, attingendo in modo diverso dalle origini marocchine, dalle tradizioni folcloriche e classiche, dalle armonie israeliane e dai ritmi mediterranei, dando come esito melodie e arrangiamenti totalmente inattesi. 

Il disco di questo progetto è stato pubblicato da Deutsche Grammophon nel 2017.

Avi Avital è nato a Be'er Sheva, nel sud di Israele, e ha iniziato a studiare il mandolino all'età di otto anni, unendosi presto all’orchestra di giovani mandolinisti fondata e diretta dal suo maestro, il violinista russo Simcha Nathanson. Si è diplomato all’Accademia musicale di Gerusalemme e al Conservatorio Cesare Pollini di Padova. Vincitore del prestigioso Concorso Aviv di Israele nel 2007, è il primo mandolinista nella storia a ricevere questa onorificenza. Artista esclusivo per Deutsche Grammophon, ha realizzato quattro dischi con questa etichetta, tra cui Vivaldi (2015), vincitore del premio ECHO Klassik. Le pubblicazioni precedenti hanno incluso le sue trascrizioni dei Concerti di Bach (2012) e Between Worlds (2014) ovvero una raccolta di musica da camera cross-over che esplora il nesso tra musica classica e musica tradizionale. Si è esibito con orchestre prestigiose tra cui BBC Symphony, Chicago Symphony, Deutsche Symphonie Orchester Berlin, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra della Tonhalle di Zurigo, Israel Philharmonic, Dresdner Philharmonie, Tasmania Symphony Orchestra, St. Louis Symphony Orchestra e Orchestre Symphonique de Montréal collaborando con direttori del calibro di Zubin Mehta, Kent Nagano, Osmo Vänskä, Ton Koopman e Giovanni Antonini. Avi Avital suona un mandolino del liutaio israeliano Arik Kerman.

Omer Avital si è distinto subito in mezzo ai tanti talentuosi musicisti israeliani che sono apparsi sulla scena del jazz mondiale negli ultimi anni: lui non fa parte di questa ondata ma piuttosto di quelli che l'hanno iniziata. Omer Avital è un pioniere. Vive a New York dal 1992 ed è in parte responsabile di aver messo il suo Paese natale sulla mappa del jazz. I critici di Downbeat e del New York Times lo hanno elogiato definendolo persino “il Charles Mingus israeliano”. Omer Avital è un visionario che combina musica dal suo Ⴆackground culturale con il jazz occidentale moderno. Questo crea un suono atmosferico, con contagiosi ritmi groove mediorientali, sottili melodie jazz e arrangiamenti orchestrali di composizioni sefardite. Con il suo nuovo album, Abutbul Music (registrato a Parigi e pubblicato per l'etichetta Jazz Village), Omer Avital si impone ancora una volta con un suono potente, ritmi gioiosi e melodie orientali che attingono dal gospel e dal soul. Omer Avital è icona del jazz contemporaneo in continua evoluzione, giustamente definito uno dei musicisti più singolari della sua generazione.

www.aviavital.com

www.omeravital.com

Il pianoforte Fazioli è fornito da Pianoforti Di Marco.

..

Avital meets Avital is a performance by two great artists coming from different musical words but sharing a common heritage, starting from the fact that both were raised in Israel by Moroccan parents.  Avi Avital, the mandolinist, was nominated for a Grammy and comes from the classical tradition. Omer Avital is a virtuoso bass player and oudist and an acclaimed jazz musician and composer who has won several awards.  Avi Avital is also one of the finest mandolinists around, passionate and explosively charismatic according to The New York Times. He has been likened to Andres Segovia and Jascha Heifitz. In his live performances he is a force of nature: more than 100 contemporary compositions have been written for him, including the concerts by Avner Dorman and Giovanni Sollima that he will perform this upcoming season.  Omer Avital, the bassist, is one of the most surprising musicians of today.  Saluted by The New York Times as an "extraordinary" artist, he is a visionary composer and virtuoso musician defying genres and the boundaries of jazz expression, feeding the audience with swing tempos and almost spiritual flights.  

Their performance is a unique mix of two cultural heritages in dialogue, where each takes inspiration from their Moroccan origins, folk and classical traditions, Israeli harmonies and Mediterranean rhythms, resulting in melodies and arrangements that are entirely unexpected.  

The record of this project was published by Deutsche Grammophon in 2017. 

Avi Avital was born in Be’er Sheva in southern Israel. He began learning the mandolin at the age of eight and soon joined the flourishing mandolin youth orchestra founded and directed by his charismatic teacher, Russian-born violinist Simcha Nathanson.  He later graduated from the Jerusalem Music Academy and the Conservatorio Cesare Pollini in Padua, Italy. Winner of Israel’s prestigious Aviv Competition in 2007, Avital is the first mandolinist in the history of the competition to be so honoured.   An exclusive Deutsche Grammophon artist, he has made four recordings for the label including his ECHO Klassik Award-winning Vivaldi (2015). Earlier releases featured his own Bach concerto transcriptions (2012) and Between Worlds (2014), a cross-generic chamber collection exploring the nexus between classical and traditional music. He has performed with international orchestras such as BBC Symphony, Chicago Symphony, Deutsche Symphonie Orchester Berlin, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Zurich Tonhalle Orhcestra, Israel Philharmonic, Dresdner Philharmonie, Tasmania Symphony Orchestra, St.Louis Symphony Orchestra and Orchestre Symphonique de Montréal under conductors such as Zubin Mehta, Kent Nagano, Osmo Vänskä, Ton Koopman and Giovanni Antonini.  Avi Avital plays on a mandolin made by Israeli luthier Arik Kerman. 

Omer Avital immediately made a name for himself among the many talented Israeli musicians who have appeared on the world jazz scene in recent years: he does not belong to this wave, but rather to those who started it. Omer Avital is a pioneer.  He lives in New York since 1992 and he is partly responsible for putting his home country on the map of world jazz.  Critics at Downbeat and The New York Times have praised him and called him the Israeli Charles Mingus. Omer Avital is a visionary who combines music from his cultural background with modern western jazz. The result is an atmospheric sound with contagious Middle Eastern grooves, subtle jazz melodies, and orchestral arrangements of Sephardic compositions. With his new album Abutbul Music (recorded in Paris and published with the label Jazz Village), Omer Avital imposes himself once again with a powerful sound, joyful rhythms and oriental melodies inspired by gospel and soul. Omer Avital is an icon of contemporary jazz in constant evolution, correctly identified as one of the most unique musicians of his generation. 

www.aviavital.com

www.omeravital.com

....